Approvazione del registro bigenitoriale ad Agrigento

Minori in Primo Piano Onlus esprime grande soddisfazione e apprezzamento per l'approvazione del Registro della Bigenitorialità anche ad Agrigento, proposto e sostenuto sia da Marcella Carlisi che da questa Associazione già nei primi mesi del 2018. 

Parliamo di uno strumento che prevede l'annotazione del doppio domicilio dei genitori separati o divorziati, così da favorire una relazione costante con i propri figli minori. Il registro consente ad entrambi i genitori di far conoscere alle Istituzioni il proprio domicilio, che sarà legato ai nominativi dei figli, potendo quindi ricevere tutte le comunicazioni che li riguardano

Si tratta sia delle informazioni di competenza comunale (scadenza della carta d'identità, domiciliazione ecc.) che di quelle provenienti dalle altre Istituzioni che si prendono cura del minore le quali potranno finalmente conoscere il domicilio di entrambi i genitori. L'obiettivo principale del Registro è la tutela dei figli minori e la riduzione della conflittualità tra genitori che scaturisce da una bigenitorialità millantata ma quasi mai davvero attuata.

 

Il termine "bigenitorialità" si riferisce al diritto soggettivo, permanente e indisponibile dei figli minori a mantenere un solido rapporto affettivo ed educativo con entrambi i genitori. In caso di separazione o divorzio, i figli cadono in una condizione di forte disagio in quanto uno dei due genitori viene troppo spesso, ingiustamente, emarginato e penalizzato. La cosiddetta “collocazione prevalente" determina la residenza anagrafica dei figli ma è un concetto che nulla ha a che fare con la bigenitorialità perfetta a cui la società italiana di oggi mira sempre più.

 

L'iscrizione dei minori al Registro della Bigenitorialità potrà avvenire su richiesta anche di uno solo dei genitori titolari della responsabilità genitoriale e sarà gestita dall'ufficio anagrafe comunale. Quest'ultimo invierà un'apposita informativa all’altro genitore mettendolo a conoscenza dell’avvenuta iscrizione dei figli.

Condividi su Facebook