SITUAZIONE ATTUALE SULLE SOTTRAZIONI INTERNAZIONALI

In data 05 luglio 2017 è stata ricevuta dal Responsabile dall’Ufficio IV DIGE del Ministero degli Esteri in Roma rappresentata dal Ministro Plenipotenziario Roberto MARTINI capo del predetto Ufficio, in presenza della Consigliere Dott.ssa Costanzo e del Vicario del Ministro Dott. Pillitteri, la delegazione dell’associazione Adiantum -di cui Minori in Primo Piano Onlus è parte costituente- composta dall’ Avv. Franco ARONA (membro del Comitato dei saggi di Minori in Primo Piano e membro gruppo sottrazioni internazionali Adiantum) e due membri del direttivo di ADIANTUM (F. Nestola e E. Sena), i quali hanno esposto una serie di problematiche (che tutti noi conosciamo dettagliatamente) dei genitori italiani vittime delle sottrazioni internazionali e dei minori sottratti anch’essi vittime innocenti delle sottrazioni.

 

Essendo nell’Uffico IV del Ministero i preposti nuovi di nomina, la delegazione ha dovuto per l’ennesima volta relazionare sulle vicende passate attinenti a tutte le problematiche in materia di sottrazione dei minori e rapporti con le istituzioni sia Italiane che Estere.

 

Nel merito cambiano i volti e le persone del predetto Ufficio IV ma i problemi rimangono, con la conseguenza di ricevere di fatto la solita laconica risposta, “ noi non c’eravamo ma da adesso noi che siamo più bravi faremo di meglio”.

 

Abbiamo chiesto pregiudizialmente che nei successivi incontri venga redatto un verbale di incontri e trascritto tutto quanto discusso al fine che rimanga (anche per i posteri di quell’Ufficio) traccia scritta di quanto argomentato. E’ stata data una promessa laconica che, a mio modesto avviso, non sarà mantenuta in quanto occorrono dopo la richiesta formale protocollata, delle Direttive Interne da parte del Ministro, per cui ritengo che senza di ciò perdiamo solo tempo e denaro.

 

La pazienza e la volontà di combattere non è ancora finita. Tuttavia su suggerimento delle delegazione Adiantum il predetto Ufficio si è reso disponibile a fissare ulteriori incontri con Adiantum (capofila) insieme ad altre associazioni rappresentative del territorio nazionale.

 

La delegazione ha consegnato delle proposte scritte quali: - la modifica dell’art. 12 e abolizione dell’Art. 13/b della convenzione dell’Aja del 1980) ma che impropriamente la Consigliera Dott.ssa Costanza ha ritenuto non volere prendere in considerazione esprimendo parere contrario senza spiegare la motivazione o il fondamento giuridico a sostegno della propria opinione.

 

Al fine di ottenere concreti risultati ma soprattutto per passare dalle infinite chiacchiere (che ci propina l’Ufficio IV) ai fatti, la delegazione ha richiesto formalmente - un assistenza diretta ai genitori vittima di sottrazioni da parte degli Uffici del Ministero degli Esteri e degli Uffici Consolari all’Estero sia durante le fase di 3 eventuali procedimenti di rimpatrio o diritto di visita (con accompagnamento dell’addetto Consolare che parla la lingua del luogo) - Visite Consolari a casa dei minori sottratti (relazioni periodiche e verifica delle reali condizioni abitative, scolastiche, ecc) - Tutte quelle forme di assistenza, di coordinamento fra il Genitore vittima della sottrazione e gli Uffici o le Istituzioni del Paese dove il minore sottratto si trova, (spesso il genitore vittima della sottrazione si trova catapultato in un contesto straniero, amministrativo, giudiziario, usi e costumi molto diverso da quello del proprio paese d’origine, di fatto abbandonato a se stesso).- L’aggiornamento delle lista (o neo costituzione) Internazionale, Nazionale e Regionale, con accredito presso il Ministero Esteri-Giustizia, con verifica periodica dei requisiti morali e professionali degli operatori quali avvocati, assistenti sociali, medici che si occupano specificatamente delle materia e che tali si offrono sul mercato - Corsi di formazione per gli addetti ai lavori (Avv. Dott. Ass. Soc. Pres. Associazioni ecc…)

 

Abbiamo inoltre chiesto all’Ufficio IV di relazionare alle Associazioni più rappresentative sugli incontri della c.d “Task Force- istituita dal Ministro On.le Frattini”, e dei risultati. A quanto pare a detta della Dott.ssa Costanza tali incontri sono “Top Secret” (probabilmente centra l’ISIS). Il colloquio è avvenuto (come sempre) in un clima di serenità e propositivo.

 

L’Ufficio IV come predetto ha dato la disponibilità di ricevere nuovamente la delegazione insieme ad altre associazioni al fine di organizzare e coordinare un lavoro comune. Pertanto sarà opportuno mettersi in contatto con le altre associazione per redigere un documento comune, sottoscritto dai rispettivi Presidenti, al fine di presentarlo congiuntamente al prossimo incontro che si dovrebbe tenere a settembre 2017 (sperando di evitare i protagonismi e le storie personali che vanno trattate in altra sede). (Considerazione personale)

 

Al fine di creare un c.d. “ fascicolo e verbale degli incontri”. Continuare ad essere ricevuti nel salotto del Ministro Plenipotenziaro, senza che rimanga una traccia scritta, ovvero senza redigere regolarmente un verbale di incontri di quanto discusso, senza redigere per iscritto un protocollo ove riportare le proposte concrete o elaborare direttive sottoscritte da tutti i partecipanti, nonché fissare sempre per iscritto degli obbiettivi entro dei termini con scadenziario (documentazione visionabile da tuti gli aventi interesse e messa in rete on-line) consentitemi il termine, è tempo sprecato, rimane solo una facciata politica e presa per i fondelli a discapito dei genitori vittime delle sottrazioni Internazionali, e di tutte quelle persone, che credono in ciò.

Condividi su Facebook